Educazione alimentare e alleati naturali: i consigli di Aboca contro il sovrappeso.

di Rosa Castaldi 2 settembre 2013 16:28

C’è chi dice che le donne hanno la “sindrome” da prova bikini. In effetti decifriamo  e quantifichiamo minuziosamente le calorie di ogni singolo alimento e al supermercato con un colpo d’occhio sappiamo dire alla migliore amica o alla mamma, che finalmente ha deciso di mettersi a dieta, l’apporto calorico di ogni singola confezione messa nel carrello.  Con l’arrivo del caldo, poi, arriva anche la mania irrefrenabile di pesarci, minimo due volte al giorno, appena alzate e dopo i pasti. Sì, lo so che lo fai anche tu!

Scherzi a parte, in estate abbiamo la tendenza a concentrare i nostri sforzi su quello che possiamo definire “fattore quantità”: sappiamo che  mangiare troppo e male  è deleterio per la nostra linea e, per rimediare ai piccoli peccati di gola e dimagrire in fretta, ci affidiamo a diete drastiche e restrittive, non considerando – spesso anche per mancata informazione – che cibarsi “poco e male” è nocivo e controproducente.

Come afferma il dott. Pier Luigi Rossi, Medico Specialista in Scienza dell’Alimentazione infatti:

“Spesso si pensa erroneamente che la differenza sia data dalla quantità di cibo piuttosto che dalla sua qualità. Un’alimentazione ricca di pesce e vegetali apporta al corpo umano nutrienti in grado di proteggere le funzioni cellulari e di accelerare il metabolismo corporeo. Le vitamine, i polifenoli e gli omega3 sono molecole anti-obesità in grado di far bruciare con maggiore velocità i grassi corporei. La fibra contenuta negli alimenti vegetali riduce l’aumento del picco glicemico dopo ogni pasto. L’insulina che si produce in questa fase è l’ormone che fa ingrassare. Mangiare vegetale significa ridurre l’insulina e quindi ridurre il peso corporeo. Per stare in salute, oltre a controllare il carico calorico giornaliero, occorre saper scegliere gli alimenti capaci di attivare il metabolismo corporeo. La salute sta nel piatto quotidiano!”.

La parola chiave per ottenere la giusta linea è equilibrio. Questo dovrebbe caratterizzare sia l’approccio che abbiamo nei confronti delle attività fisiche, da fare quindi con costanza e in maniera adatta al nostro organismo, sia il modo di seguire una dieta: per combattere il sovrappeso essa non dovrebbe essere un exploit da non ripetere ma un vero e proprio percorso costante, consigliato da un medico, che ci porti a cambiare in meglio le nostre abitudini alimentari.

In quest’ottica e al fine di perdere peso in maniera intelligente e più efficace, gli integratori alimentari, associati ad un’alimentazione corretta e all’attività fisica, possono rappresentare un valido alleato, soprattutto se sono di origine naturale e frutto della più avanzata ricerca scientifica come Adiprox*,  prodotto della linea Fitomagra di Aboca. Fondata nel 1978, l’azienda di Arezzo è oggi leader nella produzione, nella ricerca e nello sviluppo di prodotti fitoterapici a base di complessi molecolari vegetali.

Adiprox* è utile per favorire il metabolismo dei grassi. L’efficacia della sua formulazione è data dalla presenza di Adiprofen, un complesso molecolare 100% naturale di procianidine e fenoli da semi di uva e thè verde che combatte lo stress ossidativo e coadiuva i naturali processi di termogenesi, supportando così la fisiologica funzionalità del microcircolo e del tessuto adiposo. E’ disponibile come tisana o come concentrato fluido: ne bastano una tazza al giorno o un misurino da 15 ml un paio di volte al dì, possibilmente lontano dai pasti.

Equilibrio, dicevamo, che deve partire fin dalla scelta di ciò che mettiamo nel carrello al momento della spesa. Non a caso Aboca, da sempre attenta anche alla divulgazione delle conoscenze che stanno alla base di una vita sana e naturale, ha creato le speciali Borse della Salute. Disponibili nei punti fiduciari dell’azienda (farmacie, erboristerie e parafarmacie), sono shopper riutilizzabili ed ecologiche su cui sono stampate le giuste proporzioni di alimenti che dovremmo acquistare: verdura 30%, frutta 20%, cereali 25% e proteine 25%.

*Seguire una dieta ipocalorica adeguata seguendo uno stile di vita sano con un buon livello di attività fisica. Se la dieta viene seguita per periodi prolungati, superiori alle tre settimane, si consiglia di sentire il parere del medico. Leggere attentamente le avvertenze.

Iniziativa in collaborazione con Aboca S.p.a.

1 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti