Sanremo 2012: Adriano Celentano devolve il suo cachet ai poveri

Adriano Celntano mette a tacere la polemica sul suo compenso troppo alto: lo devolverà a delle famiglie povere e ad Emergency.

di Caterina Cariello 31 gennaio 2012 22:08

La polemica sulla presenza di Adriano Celentano al Festival di Sanremo in questi giorni ha toccato limiti impensabili, soprattutto dopo aver saputo quanto il cantante intascherà per il suo intervento sul palco dell’Ariston. Addirittura da qualche parte si era annunciato uno “sciopero” da attuare non appena Adriano fosse comparso in televisione, spegnendo i televisori… Ma il ragazzo della via Gluck ha messo a tacere tutti perché le sue intenzioni erano ben altre che quelle di depauperare poveri pensionati e famiglie in difficoltà che avevano tempo fino ad oggi per pagare il canone rai…

Proprio oggi, in occasione della presentazione del Festival di Sanremo ( 14-18 febbraio) si è saputo che Celentano devolverà l’intero cachet ai poveri e ad Emergency. Gianmarco Mazzi ha letto una lettera nella quale viene spiegato dettagliatamente a chi e in che modo saranno distribuiti i soldi del cachet di Adriano. Non si sa ancora quante serata farà ma si sa che per una serate sono previsti 350mila euro, per due 700 mila euro e per tre, quattro o tutte il compenso arriverà a 750mila euro. Celentano ha già contattato sette sindaci, di Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari e Cagliari, ai quali ha chiesto di segnalargli i nomi delle famiglie che versano in gravi condizioni di povertà. Una parte del cachet andrà ad uno o due ospedali di Emergency che non sono in Italia. Il resto verrà donato a 13, 20 o 27 famiglie, a seconda del totale delll’importo.

Non appena arriverà a Sanremo, Adriano Celentano consegnerà al notaio del Festival una busta chiusa contenente i nomi delle famiglie povere. Il cantante si farà carico delle tasse che lo Stato italiano prevede sulla beneficienza così come da sé sosterrà le spese di soggiorno a Sanremo. Un gran bel gesto questo di Adriano che mette a tacere quanti hanno fortemente criticato la sua condizione di pagamento…

47 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti