Olivia Wilde dice che il suo matrimonio le aveva “spento la vagina”

Olivia Wilde ha parlato del suo primo matrimonio e del suo attuale rapporto durante un evento organizzato dal magazine 'Glamour'.

di Giorgia Martino 11 ottobre 2012 19:37

Anche le bellissime soffrono per amore. E’ il caso di Olivia Wilde, attrice americana che ha parlato del suo primo matrimonio al Joe’s Pub di New York durante l’evento ‘These Girls’ organizzato da Glamour. La bellissima Olivia afferma che è stato il sesso a darle il primo campanello d’allarme della fine del suo primo matrimonio con Tao Ruspoli, principe e regista italiano, e dice:

Il mio primo matrimonio è finito perché era come se la mia vagina fosse morta. Spenta. Basta. E una può anche mentire ai suoi genitori al pranzo di Natale, dicendo che tutto a casa è perfetto. Ma non si può mentire alla propria vagina.

Ma poi si è innamorata ancora, stavolta del collega Jason Sudeikis, e afferma:

Fu una benedizione, mi sentivo piena di speranza, pazzamente innamorata. Facciamo sesso come i maratoneti kenyani.

Tuttavia per Olivia un amore non deve durare tassativamente più di 7 anni. E così definisce quali sono le regole dell'”Olivia Land”, ossia del suo modo di vedere una relazione e la vita in generale:

Nella Olivia Land le relazioni possono durare legalmente solo sette anni, senza possibilità di rinnovo. Così non ci potrà mai essere uno stallo. Immaginate se avessimo solo sette anni? Saremmo così carini l’una con l’altro, entusiasti, positivi, come se stessimo mangiando un piatto di pasta molto costoso. Nella Olivia Land le persone non tradirebbero, perché non ci sarebbe il pericolo di dover andare a letto per sempre con la stessa persona. Semplicemente non sarebbe legale. Poi c’è il problema dei figli. Okay, questo è divertente.Nella Olivia Land i figli vanno alla boarding school a sette anni. Come in Harry Potter. Vorrei legalizzare la prostituzione. Assumere una lavoratirce del sesso in Olivia Land sarebbe semplice, igienico e non più costoso che farsi un pedicure. Così quando siamo via per lavoro o semplicemente non nel giusto umore, potremmo assumerne una per il nostro amato, togliendo loro l’interesse a tradirci e lasciandoli soddisfatti. Nella Olivia Land le strade sarebbero pavimentate di cioccolato, nessuno avrebbe peli e crampi mestruali.

E quando un amore finisce? Cosa dicono le norme dell’Olivia Land? Afferma la Wilde:

Ogni tanto succede e quando succede, sai che è tempo di andare. Non c’è nessuna ragione di sacrificare la propria femminilità e la propria natura di donna in nome di qualche strano senso di responsabilità verso qualcosa che potrebbe non essere giusta. Penso che troppe donne lo facciano. Gli uomini non possono essere i soli a pensare con i loro genitali. Noi pensiamo con le nostre pussies.

Non fa una piega!

1 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti