Amy Winehouse, il padre ha trasformato la casa in un santuario

Il dolore di Mitch Winehouse: "Non riesco a spostare le cose che ha lasciato, sono ancora lì, proprio dove le ha lasciate lei"

di Valeria Scotti 13 dicembre 2011 7:19

Per superare il dolore ci vuole tempo. E quasi certamente per Mitch, padre di Amy Winehouse, la faccenda è ancora più difficile. Tant’è che, dopo aver perso la figlia lo scorso luglio, ha deciso di mettersi a lavoro per una biografia oltre a trasformare la sua casa in un santuario.

Non riesco a spostare le cose che ha lasciato, sono ancora lì, proprio dove le ha lasciate lei.

Il papà di Amy ha detto al Camden New Journal ha poi spiegato:

Inizialmente ho dato la colpa ai luoghi che frequentava come i pub a Camden Town, ma ora non lo faccio più. Anche la figlia di un mio amico è morta e le hanno dedicato un banco fuori della sede della Roundhouse, dunque mi piacerebbe fare qualcosa di simile per Amy. Vogliamo chiedere al Camden Council se possiamo avere una panchina a Camden Place o un altro monumento. Penso che tutti sarebbero felici.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti