Grazie a “Sparkle” Whitney Houston ritorna sul grande schermo

Arriverà presto anche il Italia la pellicola "Sparkle", che ci regalerà nuovamente il sorriso della cantante scomparsa Whitney Houston.

di Simona Torrettelli 18 agosto 2012 14:07

Esce negli Stati Uniti questo fine settimana la pellicola “Sparkle“, film diretto dal regista Salim Akil, che racconta la vera storia della band Supremes e vede l’interpretazione cinematografica della compianta Whitney Houston. La Houston, infatti, oltre ad essere una cantante di talento era anche portata per la recitazione e lo ha dimostrato partecipando a questo remake dell’omonimo film del 1976.

La pellicola, che arriverà in Italia il prossimo 14 settembre, racconta la storia della band femminile Supremes, e a parer dell’Hollywood Reporter è migliore persino della pellicola originale. Nel film la Houston ha il ruolo di Emma, la madre delle sorelle che formeranno la band musicale, la quale mette in discussione con scetticismo le possibilità di successo delle figlie. Si tratta di un’ottima interpretazione della Houston che ha lasciato il segno, peccato che quello che doveva essere il suo grande ritorno sul grande schermo si sia trasformata nella sua ultima apparizione cinematografica.

Gli spettatori americani hanno accolto con entusiasmo l’uscita del film, correndo ai botteghini per non perdersi quello che considerano un ‘biglietto tributo’, a pochi mesi della morte della pop star avvenuta a Los Angeles lo scorso 11 febbraio a soli 49 anni per overdose di barbiturici e cocaina. La pellicola da la possibilità alla grande cantante scomparsa di ritornare sorridente sul grande schermo.

Nel film non si possono ignorare delle similitudini tra la Houston e il personaggio di Emma, da lei interpretato. Entrambe mamme padrone e con un passato di eccessi alle spalle. Il personaggio di Emma cerca in ogni modo di bloccare le aspirazioni musicali delle figlie con la giustificazione che il mondo è pieno di illusioni e di insidie.

Sparkle sembra destinato ad ottenere un buon successo di pubblico e debutta contemporaneamente ad una grande mostra al Grammy Museum di Los Angeles, in onore al mito della cantante scomparsa, dal semplice titolo “Whitney“. All’interno una grande raccolta di video, abiti di scena, foto e 6 Grammy vinti dalla Houston durante la sua carriera.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti