Signorini contro il televoto: al GF non doveva vincere Sabrina

di Caterina Cariello 5 aprile 2012 22:23

Alfonso Signorini ancora non riesce a farsi una ragione di come abbia potuto vincere questa edizione del Grande Fratello un personaggio tanto anonimo e poco brillante come Sabrina Mbarek, con appena 10 mila fans iscritti su Facebook, anziché un personaggio come Ilenia Pastorelli, più dinamica, interagente ed esplosiva, con un fan club di ottanta mila persone sullo stesso social? L’ennesima delusione della dodicesima edizione del Grande Fratello dopo averne collezionate tante!

L’opinionista e direttore di Chi riesce a dare una spiegazione a questa scelta solo puntando il dito contro il televoto e il suo meccanismo bacato. Signorini non mette in dubbio l’ attinenza  del risultato in quanto c’è un notaio che controlla e fa si che vada tutto secondo regole precise, “però secondo me sarebbe ora e tempo che ci si organizzasse per fare in modo che i call center non si intromettano nell’esito di una votazione finale. Credo che qui ci sia stata l’influenza di qualche call center di troppo…” dice Signorini sulle pagine di Panorama. Così, mente Sabrina smentisce la presenza di uno sceicco responsabile della sua vittoria, Signorini accusa i call center che influenzano il risultato dei televoti. Ovviamente il problema non è che riguardi solo il Grande Fratello ma, secondo Signorini, “anche il Festival di Sanremo, l’Isola, Ballando.”

Alfonso Signorini tiene invece conto principalmente delle reazioni del pubblico presente nello studio, all’annuncio dell’uscita di questo o di quel concorrente. “Questi vengono da lontano per assistere al programma e non rispondono agli animatori di studio, sono dei partigiani, dei faziosi incredibili, e sono il termometro del gusto del pubblico. E quando vedo che una Gaia viene accolta da un boato, mentre per la vincitrice Sabrina c’è freddezza mi chiedo com’è che c’è divergenza tra il pubblico in studio e quello a casa, non si spiega.”

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti