Lily Allen: “Potevo morire come Amy Winehouse”

di Gioia Bò 10 settembre 2011 20:07

Oggi è una donna felicemente sposata e incinta di sette mesi, ma c’è sta un periodo turbolento nella vita di Lily Allen, che ha rischiato davvero di fare una brutta fine, persa nei suoi eccessi notturni. Oggi la cantante se ne rende conto e sa che avrebbe potuto fare la stessa fine di Amy Winehouse, come ammette lei stessa dalle colonne dell’Evening Standard:

Ho trascorso delle nottate con Amy e so perfettamente cosa succedeva. In realtà, quando è morta ho ricevuto un sacco di sms dai miei amici dicendo che erano contenti che io ci fossi ancora. Cioè che non fossi morta anch’io. E’ veramente facile farsi prendere da quel turbine impazzito di cose e devo ringraziare la mia buona stella per aver avuto la forza di allontanarmi.

Deve ringraziare la sua buona stella e l’amore di Sam Cooper che le ha regalato la gioia di diventare mamma. La cantante qualche tempo fa ha avuto un aborto spontaneo ed è per questo che ora

vengo monitorata continuamente e vengo a Londra ogni giovedì per una ecografia. Con quello che mi è successo adesso penso: fanculo tutto, sono incinta, è l’unica volta nella vita che mi è concesso di non fare nulla.

Auguri.

3 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti